Santuario della Madonna di Monserrato

santuario di monserrato

Situato entro una stretta vallata a circa tre chilometri dal centro di Porto Azzurro, fu costruito nel 1606 da Josè Pons, per un decennio governatore della piazzaforte.

Lo scrittore francese M. Valerj, parlando della visita fatta al santuario, afferma che "se le strade e le grandi costruzioni annunciano la dominazione dei romani oppure dei francesi l'impero, gli eremitaggi e i luoghi di devozione, visitati dai pellegrini, sono le tracce più caratteristiche e più durevoli della dominazione spagnola".

A questa tradizione nazionale non venne meno il Pons che era di animo pio e che, avendo intensamente subito il fascino suggestivo offerto da quella vallata, decise di erigervi un santuario che fosse dedicato alla Madonna di Monserrato, a ricordo del celebre santuario omonimo esistente in Catalogna, nei pressi di Barcellona; e lo eresse su uno spicchio di roccia e fiancheggiato da tre lati da una chiostra di monti, in uno scenario di selvaggia e grandiosa bellezza.

santuario della madonna di monserratoNell'interno, sull'altare in marmo, c'è l'immagine di una Madonna nera che è copia di quella esistente nel santuario spagnolo su citato.

Nel suo testamento, rogato a Madrid nel 1616, il Pons assegnò al santuario una cospicua dotazione consistente in terreni, censi, livelli e un mulino in loc. Reale; dotazione legata però ai frati e al convento di S. Agostino in Piombino, con l'obbligo però di tenervi in perpetuo un sacerdote che provvedesse alla celebrazione della Messa giornaliera.

I frati accettato il legato, costituirono, presso il santuario, un conventino di 4 o 5 religiosi, subordinato a quello di Piombino e, a quanto sembra, essi medesimi provvidero all'ufficiatura. (informazioni da www.diocesimassamarittima.it)

Il santuario è aperto al pubblico nel periodo estivo, ed ogni anni 8 Settembre si celebra a Porto Azzurro "la Festa della Madonna di Monserrato",processione religiosa per le vie del paese.